Condividi su:
Stampa articolo

Prestiti dipendenti statali: cosa sapere

20/09/2022

Molte tipologie di prestito, specie quelli più facili da ottenere come la cessione del quinto, sono precluse o necessitano di particolari accortezze se la persona che lo richiede è un dipendente statale.

Ma non preoccupatevi: oggi Marco Ferri ci spiegherà come è possibile ottenere prestiti anche se si fa parte di questa categoria.

 

Come richiedere un prestito se si è un dipendente statale

Anche i dipendenti pubblici a volte, hanno bisogno di ricorrere a dei prestiti, per affrontare spese urgenti ed improvvise o per pagare un grosso acquisto.

La prima possibilità a cui possono accedere è quella del prestito dell’Inps per i dipendenti pubblici. Si tratta di finanziamenti soggetti ad una regolamentazione interna oltre che a norme e regolamenti di legge. Il regolamento completo è di facile accesso e si può scaricare in formato PDF dal sito ufficiale dell’INPS. Bisogna però prestare attenzione perché il regolamento cambia ogni anno, quindi è bene restare aggiornati al riguardo.

Una seconda possibilità è la già citata cessione del quinto, offerta in questo caso da Avvera Finanziamenti SPA - gruppo Credem banca. In particolar modo questo tipo di strumento finanziario è pensato per permetterti di rimborsare il tuo prestito tramite una trattenuta sulla tua busta paga, solitamente però non si possono ricevere in prestito grosse somme di denaro.

Infine, ultimo metodo utile per i dipendenti pubblici, è la fideiussione per ridurre i tassi d’interesse nei prestiti personali con le banche. Questo metodo funziona esattamente come un normale prestito in banca. Generalmente però per un dipendente pubblico gli istituti bancari tenderanno a proteggersi tramite un contratto di garanzia individuando un garante terzo.

 

Vuoi maggiori informazioni in merito? O hai bisogno di consigli per poter accedere ad un prestito come dipendente pubblico? Allora contattami e insieme valuteremo la tua situazione.